.:Home: :Archivio: :Forum:. Ultimo aggiornamento: Domenica, 15 Marzo, 2015

 

.:Sito:.


Home
Cos'è questo sito?
Archivio
Mai dire D&D
Pisquano Fantasy
Download
Contributi esterni


.:Avventure:.


Compagnia dell'Est
Compagnia dei Ghiacci
Compagnia dell'Ovest
Figli del Lupo


.:Forgotten Realms:.


Ambientazione
Cronologia


.:Planescape:.


Ambientazione
La Regola del Tre


.:Sondaggio:.



Archivio sondaggi

COMPAGNIA DELL'EST -> AVVENTURE


21 / 28 TARSAK 1368 C.V. - 9 LUGLIO 2004 C.G.


I guerrieri di Bane tornano al rifugio dopo aver saccheggiato e distrutto il covo dei Baniti ortodossi. La sera viene organizzata una festa per celebrare la vittoria e tutti si divertono tranne Cassandra e Alaemos abbattuti per la caduta di Caio. Sertex si avvicina a Cassandra e la assicura, il suo potere sta crescendo e presto sarā in grado di far tornare l'amico alla vita. Intanto Syrus chiama Caleb in disparte, gli dice che ha un compito delicato da affidargli. Tramite le sue spie ha saputo che i chierici di Cyric hanno trovato una mappa che li condurrebbe al luogo dove č custodito il Tomo della Veritā un libro di grande potere scritto da un antico pensatore fedele a Bane. Si dice che l'uomo dopo 5 anni da eremita abbia scritto nelle pagine del libro i risultati delle sue meditazioni, ma la veritā celata nel tomo č talmente dura da sopportare che chiunque la legga si toglie la vita. Syrus dice a Caleb che lui e un gruppo di uomini fidati devono rubare la mappa custodita in un piccolo tempio di Cyric e poi recuperare il libro, inoltre dice a Caleb che č importante che vada lui perché si racconta che solo un vero fedele di Bane possa prendere il libro dal luogo in cui č custodito. Caleb accetta e Syrus soddisfatto lo invita a seguirlo tornando alla festa, "Facciamo divertire i ragazzi" dice e raggiunto il centro della stanza in cui si tiene la festa sfodera la spada e si rivolge verso il paladino "Sfido Caleb alla spada lunga" e si prepara al combattimento. Anche il paladino sguaina la spada e, come ha giā fatto il suo sfidante, la impugna per colpire senza ferire. Il combattimento ha inizio, sicuramente la sfida č tra due abilissimi spadaccini; Caleb colpisce con forza e precisione, Syrus si muove con grande maestria e competenza. Alla fine Syrus vince la sfida e porge la mano e i suoi complimenti allo sfidante. Passano alcuni giorni in cui Sertex rimane in meditazione e preghiera, finalmente un giorno chiede ad alcuni officianti ai riti di preparare il santuario, č pronto per tentare di riportare alla vita l'amico Caio. Il corpo senza vita viene deposto sull'altare e tutto intorno vengono accesi ceri neri di fronte ai simboli di Bane. Tutto č pronto e Cassandra si avvicina al corpo "Spero che Bane ci conceda di riaverti tra di noi" dice poggiando una mano su una guancia fredda. Detto questo prende un coltello, si pratica un taglio al polso e succhia il sangue che sgorga dalla ferita, poi sfiora con un bacio le labbra di Caio e si allontana. Inizia il rito e Sertex pronuncia il potente incantesimo, un soffio di vento sembra attraversare la stanza e le fiammelle tremano lievemente, tutti stanno in silenzio e aspettano, ma non succede nulla. Sertex capisce subito cosa sia successo, l'anima di Caio ha deciso di non tornare. Alaemos china il capo in silenzio, Cassandra si avvicina di nuovo al copro e sussurra qualcosa all'orecchio, poi da un ultimo bacio sulla guancia a Caio i si allontana, le lacrime le rigano il volto. La sera dopo, tutto č pronto, Syrus chiede a Caleb di prendere nel suo gruppo Alfaluji un drow fuggito dalla sua gente e rifugiatosi tra i guerrieri di Bane. Caleb, Sertex, Alaemos, Syrus e Alfaluji salgono sul carro e si mettono in marcia. Syrus spiega il piano: Alaemos distrarrā le guardie di fronte al tempio, Caleb, Sertex e Alfaluji entreranno da una finestra sul retro e recupereranno la mappa, lui li aspetterā con il carro dall'altra parte della strada per riportarli a casa. Come da indicazioni Alaemos si dirige verso le guardie e crea un po' di confusione fingendosi ubriaco, intanto i tre compagni si arrampicano e entrano da una bassa finestra. Le spie di Syrus hanno fornito precise informazioni e Caleb e Sertex riescono presto a trovare quello che cercano mentre Alfaluji copre loro le spalle. I tre lasciano in fretta l'edificio, Syrus li sta aspettando e li accompagna fuori cittā, tutto ha funzionato a puntino. La mappa indica un luogo nella vicina foresta e la mattina seguente il gruppo si prepara a partire. Per unirsi alla missione i guerrieri di Bane assoldano un ladro per le strade di Zenthil Keep, uno che con le sue capacitā possa aiutare a ritrovare il prezioso tomo, il suo nome č L'Atro. Il gruppo guidato da Caleb parte, anche Alaemos fa parte della spedizione. La foresta viene raggiunta dopo alcuno ore di viaggio in carro e la marcia prosegue a piedi, passano altre ore e gli avventurieri fanno un brutto incontro, tre belve distorcenti di cui una di dimensioni doppie rispetto alla norma. Le creature attaccano e gli avventurieri si difendono. Caleb, Sertex, Alaemos e Alfaluji combattono valorosamente, L'Atro osserva la scena dalla cima di un albero sul quale si č prontamente arrampicato, i mostri vengono uccisi. Ancora un paio d'ore di marcia e la compagnia si trova di fronte ad un piccolo edificio in pietra dalla base quadrata. L'edificio completamente diroccato sembra un tempio, ma nessun simbolo di divinitā viene riconosciuto. Gli avventurieri esaminano l'interno, ma nulla di interessante viene trovato, si mettono allora ad aprire i sarcofagi posti lungo i lati. Spostata la pesante pietra che copre uno dei sarcofagi, Caleb e L'Atro vengono sorpresi da un soffio di vento e dalla tomba esce uno spettro di uomo dal volto distorto "Perché l'ho fatto!" grida "Non dovevo leggere! Ora sono maledetto!" e detto questo svanisce. All'interno del sarcofago si vede una scala a pioli che scende in un pozzo. Il gruppo usa la scala e scende in un buio tunnel sotterraneo. Il tunnel porta in un piccolo slargo in cui si aprono tre porte, la prima conduce in un tunnel crollato, la seconda č chiusa a chiave, ma L'Atro riesce facilmente ad aprirla, al suo interno c'č una cassa che nasconde due pozioni, la terza porta č aperta e conduce in un nuovo tunnel. Il gruppo imbocca l'ultima e prosegue nella sua marcia. Mentre cammina improvvisamente Caleb, che č in testa al gruppo, vede un bagliore sulla parete e in un attimo la galleria č invasa da un'esplosione di elettricitā. Gli avventurieri vengono investiti e L'Atro cade svenuto, ma prontamente soccorso da Sertex si riprende velocemente. La marcia continua, ma una nuova sorpresa aspetta gli avventurieri. La Galleria risulta chiusa da una parete di roccia, una testa di toro scolpita nella pietra esce dalla parete. L'Atro si avvicina per sincerarsi che non ci siano delle trappole, ma appena arriva di fronte alla testa di toro dalle narici si libera un gas che investe la galleria, il ladro viene magicamente tramutato in pietra. Contemporaneamente la parete di roccia si sgretola e un grosso toro ricoperto di placche di metallo si getta contro gli avventurieri, ma Sertex e Caleb riescono con facilitā ad eliminarlo. Il chierico fa poi uso dei suoi poteri e riesce a salvare L'Atro liberandolo dalla sua condizione. La marcia continua attraverso il tunnel aperto dal crollo e presto il gruppo arriva ad un porta che conduce in una stanza. La stanza è una piccola biblioteca circolare, scaffali ricolmi di libri ricoprono le pareti fino al soffitto tranne che in un punto dove la statua di un guerriero con le braccia incrociate č ricavata direttamente dalla parete di roccia. Al centro della stanza sta un leggio con un libro aperto poggiato sopra. Caleb si avvicina e chiude il libro, il titolo recita "Le Divinitā Dimenticate" non č l'oggetto cercato. Nessun'altra uscita tranne la porta da cui gli avventurieri sono entrati sembra esserci. Tutta la stanza viene setacciata in cerca di passaggi segreti, ma non viene trovato niente di interessante. Sertex allora esamina il libro e scopre che all'interno alcune lettere sembrano scritte con un inchiostro più chiaro delle altre, inoltre sul retro di copertina è disegnato un cerchio composto di 5 serie di 5 numeri mentre in terza di copertina è disegnata una griglia quadrata. Il chierico pensa subito ad una chiave di lettura, ma non riesce a venirne a capo.

 

< vai all'indice >
.:Forum:.


Indice
Discussioni Generali
Giochi di Ruolo
Appuntamenti
Pisquano Fantasy


.:Varie:.


Link
Contatti
Segnala errori
Disclaimer
Vecchio sito


.:Dice Roller:.


Dice Roller


.:Statistiche:.





 

Tutto il materiale presente in questo sito è © Copyright dei rispettivi proprietari. Pubblicazione amatoriale, intesa al solo scopo d'intrattenimento.