.:Home: :Archivio: :Forum:. Ultimo aggiornamento: Domenica, 15 Marzo, 2015

 

.:Sito:.


Home
Cos'è questo sito?
Archivio
Mai dire D&D
Pisquano Fantasy
Download
Contributi esterni


.:Avventure:.


Compagnia dell'Est
Compagnia dei Ghiacci
Compagnia dell'Ovest
Figli del Lupo


.:Forgotten Realms:.


Ambientazione
Cronologia


.:Planescape:.


Ambientazione
La Regola del Tre


.:Sondaggio:.



Archivio sondaggi

FIGLI DEL LUPO -> AVVENTURE


21 CHES 1371 C.V. - 17 FEBBRAIO 2012 C.G.

Il gruppo esce dalla foresta e dopo un breve cammino arriva in una piccola valle al centro della quale si erge maestoso un enorme menhir. E' qui che dovrebbe nascondersi la tana dei preti di Juda, ma non si vede nessuna apertura. Gulden Draak si avvicina e scopre vicino alla base del menhir una botola di bronzo. Prova ad aprirla, ma così facendo fa scattare una trappola. Improvvisamente si sente un boato e quanti sono raccolti nella valle vedono dalle colline attorno rotolare decine di tronchi d'albero. Qualcuno cerca un riparo, altri provano ad arrampicarsi sul menhir, altri tentano di schivare i tronchi, Gulden Draak e Grogdush, i più vicini alla botola, si infilano nel buco sottostante. Chi senza danni e chi con qualche acciacco, tutti riescono a salvarsi dalla trappola.

Mentre il gruppo si riorganizza e chi è ferito viene curato, Gulden Draak e Grogdush scendono lungo una scaletta e raggiungono una stanza nel sottosuolo. Subito però vengono attaccati da due chierici che li stavano aspettando. Gli incantesimi dei preti di Juda li bloccano e stordiscono, ma anche se con qualche difficoltà, gli orchi presto riescono ad ingaggiare gli avversari in combattimento. Intanto vengono raggiunti dai loro compagni e da una porta nella stanza sopraggiungo altri tre chierici. Il combattimento è furibondo, gli incantesimi dei chierici sono insidiosi, ma gli orchi sono più numerosi e più forti. Quando le sorti del combattimento sembrano segnate, Gulden Draak si infila nel corridoio da cui sono arrivati i rinforzi per incalzare due chierici, ma lo aspetta una brutta sorpresa. Uno dei due gli lancia un incantesimo di bloccapersone e lo paraliza, il secondo ha gioco facile nel colpire con la sua arma un avversario indifeso e lo uccide sul colpo. I chierici sono ormai allo stremo e vengono eliminati, ma questa volta gli orchi hanno subito una grave perdita.

Non è però il momento di piangere il compagno caduto e il gruppo prosegue l'esplorazione dei sotterranei.
La stanza seguente è una grande caverna naturale, dove la roccia sembra straziata, distorta fin nella profondità della sua stessa essenza. Si sente solo un suono dissonante(in sottofondo e niente altro. Il grande salone sembra vuoto, illuminato da alcuni bracieri di bronzo.
Mano a mano che si attraversa la caverna, il suono dissonante che si sentiva in sottofondo diventa sempre più forte, fino a che, sulla parete posta di fronte all’entrata, si vede una porta scavata nella pietra dietro alla quale si sente un suono orribilmente distorto.
Gli orchi aprono la porta e lo spettacolo che gli si presenta è quantomeno interessante.

In una stanza di media grandezza è stato approntato un palco.
Nello spiazzo davanti a questo palco ci sono numerosi confratelli che si stanno dimenando selvaggiamente: parecchi di loro hanno la bava alla bocca e gli occhi iniettati di sangue.
Sul palco ci sono altri cinque elementi che suonano degli strumenti a corda e a percussioni facendo un rumore infernale. Davanti a questi, si erge la figura di Ozzy. Bello massiccio, peserà almeno 100 Kg, ha i capelli biondo cenere lunghi e scapigliati, in questo momento sono anche sudati e quindi parzialmente attaccati al cranio, è a torso nudo, è pieno di tatuaggi e porta un paio di pantaloni di pelle nera. Ha il contorno degli occhi dipinto di nero che contrastano violentemente con la sua pelle pallida e l’azzurro slavato delle pupille. Sta cantando a pieni polmoni e la sua voce non è neppure coperta dagli altri strumenti; ogni tanto porta una mano a un piccolo specchio con la cornice dorata che porta al collo e ne picchietta leggermente la superficie. A quel punto si leva un ruggito inumano che sembra avere il potere di inebriare ancora di più gli scatenati preti. Ozzy scorge i nuovi arrivati e grida a gran voce: "INFEDELI!"





 

< vai all'indice >
.:Forum:.


Indice
Discussioni Generali
Giochi di Ruolo
Appuntamenti
Pisquano Fantasy


.:Varie:.


Link
Contatti
Segnala errori
Disclaimer
Vecchio sito


.:Dice Roller:.


Dice Roller


.:Statistiche:.





 

Tutto il materiale presente in questo sito è © Copyright dei rispettivi proprietari. Pubblicazione amatoriale, intesa al solo scopo d'intrattenimento.