.:Home: :Archivio: :Forum:. Ultimo aggiornamento: Domenica, 15 Marzo, 2015

 

.:Sito:.


Home
Cos'è questo sito?
Archivio
Mai dire D&D
Pisquano Fantasy
Download
Contributi esterni


.:Avventure:.


Compagnia dell'Est
Compagnia dei Ghiacci
Compagnia dell'Ovest
Figli del Lupo


.:Forgotten Realms:.


Ambientazione
Cronologia


.:Planescape:.


Ambientazione
La Regola del Tre


.:Sondaggio:.



Archivio sondaggi

COMPAGNIA DELL'OVEST -> AVVENTURE


24 NIGHTAL 1371 C.V. - 25 NOVEMBRE 2008 C.G.


Passa il tempo e la tensione cresce nell'attesa di nuovi attacchi da parte dei non morti che non tardano ad arrivare. Mentre gli avventurieri sono di vedetta con l'intenzione di non essere presi di sorpresa, Jill che sta guardando attraverso un buco provocato dal collo di parte della parete della torre intravede qualcosa muoversi al di fuori, probabilmente in volo. Dopo pochi istanti una palla di fuoco esplode nella stanza colpendo praticamente tutti. Subito dal piano inferiore iniziano a sentirsi dei colpi. Tealk scende a vedere e capisce che dall'esterno i non morti stanno cercando di abbattere la porta. L'operazione riesce in poco tempo e il paladino torna in cima alle scale dove si prepara ad affrontare i nemici al fianco di Mmporg. Gli annegati iniziano a salire, ma i due combattenti favoriti anche dalla posizione rialzata riescono a respingerli abbastanza agevolmente. Il primo gruppo di annegati guerrieri però è seguito da due monaci che con un balzo felino riescono a saltare sul piano superiore evitando i due avversari e aggredendoli alle spalle. Nel frattempo Johanna sta soccorrendo i tre personaggi che si erano rifugiati nel sotterraneo, anch'essi colpiti dalla palla di fuoco, ma si accorge che mentre Janore e il nano sono feriti gravemente, il loro compagno umano è invece morto. Uno degli annegati corre verso Jill mentre il monaco fa per affrontarlo viene attaccato alle spalle da un annegato ladro che probabilmente ha risalito la roccia per entrare di soppiatto dal buco nella parete. Il monaco è in difficoltà anche perché indebolito dalla malattia contratta nei precedenti scontri. Fortunatamente viene soccorso da Mmporg e Tealk che si sono liberati dai propri avversari e anche da Johanna che ha finito di prestare le prime cure ai feriti. Alla fine tutti i non morti vengono eliminati.

Passano le ore e finalmente dall'orizzonte spuntano i tatti attesi bagliori dell'alba. Con l'arrivo del giorno la minaccia dei non morti è scampata e gli avventurieri possono riposarsi per recuperare incantesimi e curare le ferite. Jill si occupa di liberare la stanza dai cadaveri quando vede avvicinarsi un gabbiano dall'aria molto vecchia e dagli occhi intelligenti. Il monaco da qualcosa da mangiare all'uccello che continua a stargli intorno per tutto il tempo. Il gabbiano si avvicina alle macerie del muro caduto e inizia a beccare sui detriti. Il monaco, convinto che l'uccello voglia dirgli qualcosa, inizia a scavare e in effetti trova un comparto nascosto nel quale sono conservati tutti gli oggetti che servivano al mago che anticamente viveva nella fortezza nelle sue escursioni in esplorazione dei relitti affondati. Il diario del mago parla di una galea da guerra affondata quando era in procinto di attaccare la fortezza di Firewatch e esprime le sue preoccupazioni sul fatto che la nave, affondando, possa aver danneggiato il sigillo posto dagli elfi marini a chiudere le Fauci di Dagon, un crepaccio da cui si dice che scaturisse un grande male. Gli avventurieri decidono allora da andare a verificare di persona e dopo aver portato al sicuro Janore e il suo amico nano si mettono in mare diretti alle Fauci di Dagon.

Dopo qualche tempo raggiungono le coordinate segnate negli appunti del mago e si immergono coadiuvati da pozioni per respirare sott'acqua e capsule per proteggersi dalla pressione. Raggiungono il buio fondale e vedono il relitto della galea da guerra semidistrutto e infilzato nel terreno. Nuotano allora attraverso uno spacco nello scafo e entrano nella nave. L'interno è completamente malmesso e nell'oscurità si vedono dei bagliori multicolori filtrare dal basso. Subito alcuni annegati attaccano il gruppo ma vengono eliminati facilmente. Gli avventurieri raggiungono la parte inferiore della nave e sbucano in una grotta il cui soffitto e infranto dal relitto della nave. Nella grotta sono stipate una gran quantità di ossa, molte selle quali appartengono ad umanoidi, ma sono molte di più di quante persone occupassero la galea. Vicino ad una parete della grotta si apre un buco piuttosto piccolo dal quale scaturiscono le luci multicolori che si vedevano dalla nave. E' quello la fonte del male. Tealk si avvicina per vedere di che si tratta, ma viene subito attaccato da una creatura nascosta. Si tratta dell'antico capitano della galea da guerra, ha l'aspetto di un mago con le vesti consunte ed è diventato un fantasma. Lo scontro è duro anche perché il mago ha ancora accesso ai suoi incantesimi ed è coadiuvato da gli ultimi annegati al suo comando. Ancora una volta gli avventurieri devono dare il meglio di sé e ancora una volta riportano la vittoria. Non resta che chiudere il foro da cui scaturisce l'influenza maligna e Johanna se ne occupa usando alcune monete fissandole con la colla meravigliosa trovata nell'equipaggiamento del mago della torre. La minaccia che incombeva su Firewatch e sui villaggi della costa è neutralizzata e gli avventurieri possono tornare all'Arcadia.

 

< vai all'indice >
.:Forum:.


Indice
Discussioni Generali
Giochi di Ruolo
Appuntamenti
Pisquano Fantasy


.:Varie:.


Link
Contatti
Segnala errori
Disclaimer
Vecchio sito


.:Dice Roller:.


Dice Roller


.:Statistiche:.





 

Tutto il materiale presente in questo sito è © Copyright dei rispettivi proprietari. Pubblicazione amatoriale, intesa al solo scopo d'intrattenimento.