.:Home: :Archivio: :Forum:. Ultimo aggiornamento: Domenica, 15 Marzo, 2015

 

.:Sito:.


Home
Cos'è questo sito?
Archivio
Mai dire D&D
Pisquano Fantasy
Download
Contributi esterni


.:Avventure:.


Compagnia dell'Est
Compagnia dei Ghiacci
Compagnia dell'Ovest
Figli del Lupo


.:Forgotten Realms:.


Ambientazione
Cronologia


.:Planescape:.


Ambientazione
La Regola del Tre


.:Sondaggio:.



Archivio sondaggi

COMPAGNIA DELL'OVEST -> AVVENTURE


11/13 HAMMER 1372 C.V. - 16 DICEMBRE 2008 C.G.


I Custodi del Silenzio sono cinque pilastri di pietra poggiati sul terreno in posizione verticale a formare un cerchio. Sono piuttosto sottili e la superficie è erosa dal tempo. Nel mezzo del cerchio, poggiata a terra, c'è una grossa pietra piatta. Il Cuckoo racconta che probabilmente si tratta di un'antica costruzione per i riti dei druidi e che la pietra a terra probabilmente un tempo era poggiata sui monoliti a fare da tetto. Una teoria più fantasiosa è quella secondo la quale i monoliti un tempo erano cinque maghi che sconfissero il signore della guerra con l'inganno e che per questo subirono una maledizione che li tramutò in pietra. Gli avventurieri esplorano con attenzione la zona, ma senza trovare nulla di interessante. Durante le indagini Orbun scorge tra le piante un animaletto che spia curioso il gruppo. Si tratta di una specie di incrocio tra una scimmia e uno scoiattolo, lo stesso tipo di creatura che gli avventurieri avevano visto appollaiata sulla spalla della druida Enwen. Orbun si avvicina cercando di attirare l'animaletto con del cibo, ma senza esito. La creatura scappa spaventata. Il Cuckoo spiega che ci sono diverse creature di quel tipo nella foresta e che vengono chiamate hobyah. La compagnia si accampa per la notte e riposa fino all'alba senza problemi.

La mattina seguente la marcia riprende, questa volta la meta è il Grande Tumulo dove è seppellito il signore della guerra. Durante il viaggio nella foresta vengono di nuovo trovati segni che indicano una situazione anomala. Uno scheletro di un elfo, una casa bruciata probabilmente appartenuta ad un boscaiolo, alcune trappole molto insidiose, un grande albero arso dall'interno. Ad un certo punto Orbun vede un uomo ferito sparire tra i cespugli, lo indica ai compagni e Jill corre a vedere di chi si tratta. L'entusiasmo del monaco viene subito frenato da una trappola che gli fa scattare contro una rete di spine che lo feriscono lievemente. Dell'uomo non c'è traccia, come se fosse stato un fantasma o un'illusione. Continua la marcia e questa volta gli avventurieri devono affrontare una minaccia ben più seria. Improvvisamente due grandi querce si animano e attaccano. Le creature vegetali sono molto forti e assestano colpi potenti. Gli avventurieri colpiscono con tutte le loro capacità, ma il solo risultato che ottengono è vedere la creatura colpita tornare ad essere un normale albero e quasi subito una nuova quercia prendere vita e attaccare. Il gruppo è in difficoltà, Jill cade privo di sensi, Johanna sta per terminare tutte gli incantesimi di cura che ha a disposizione, Orbun e il Cuckoo, che sono molto meno esperti dei compagni, rischiano di cadere in ogni momento. La situazione è critica anche perchè gli avversari sembrano non finire mai. Il druido capisce che deve esserci qualcuno o qualcosa che anima magicamente gli alberi e si mette a cercare nei dintorni. Riesce a scorgere tra le piante una creatura simile ad un albero umanoide, si tratta di un treant. Chiama in soccorso i suoi compagni e immediatamente il treant fugge lasciando dietro di sè una quercia animata e una serie di finte tracce. Ritrovarlo nella foresta è impossibile. Il combattimento è finito, anche se a caro prezzo, Johanna può dedicarsi alle cure di Jill e degli altri.

Il gruppo si accampa per la notte e stabilisce i turni di guardia. Durante il turno di Orbun il druido vede di nuovo alcuni hobyah tra le piante, in effetti gli animaletti hanno seguito la compagnia per tutto il giorno, mostrandosi sempre più sicuri e meno schivi. Improvvisamente alcuni di questi si radunano mormorando qualcosa. Orbun viene colpito da un incantesimo e fugge terrorizzato. Contemporaneamente altri hobyah si gettano dagli alberi sugli avventurieri addormentati graffiando e mordendo per il più brutto dei risvegli. Inizia un nuovo combattimento, con quelle strane creature che ora sembrano tutt'altro che carine, ma piuttosto famelici predatori. I loro colpi non sono molto efficaci, ma sembrano resistere molto bene a quelli che ricevono. Dopo qualche istante finisce l'effetto dell'incantesimo su Orbun e il druido torna alla carica. Il suo randello si mostra l'arma più efficace contro gli hobyah. Alcune creature vengono uccise e le altre fuggono spaventate. La notte passa senza altre sorprese e la mattina seguente la marcia riprende. Dopo poche ore il gruppo finalmente arriva al grande tumulo. Si tratta di una collina alla base della quale si apre uno stretto passaggio il cui ingresso è costituito da tre grandi pietre a formare un trilite. La pietra superiore riporta un incisione, una scrittura in linguaggio druidico che Orbun traduce per i suoi compagni: "Saithnar il Signore della Guerra".

 

< vai all'indice >
.:Forum:.


Indice
Discussioni Generali
Giochi di Ruolo
Appuntamenti
Pisquano Fantasy


.:Varie:.


Link
Contatti
Segnala errori
Disclaimer
Vecchio sito


.:Dice Roller:.


Dice Roller


.:Statistiche:.





 

Tutto il materiale presente in questo sito è © Copyright dei rispettivi proprietari. Pubblicazione amatoriale, intesa al solo scopo d'intrattenimento.