Si potrebbe anche dire che l'edizione del Pisquano Fantasy del 2009 sia stata perfetta. Certo non c'erano le patatine :-D e abbiamo dovuto giocare con uno zombi che quando è risorto dal suo tumulo ha anche cercato di rovinare un finale epico di cui non aveva capito niente, ma è stato sufficiente ignorarlo perchè tutto rientrasse nei giusti binari.
Per il resto abbiamo vissuto una lunga giornata di ottimo gdr e lunga lo è stata davvero visto che le pause per i pasti sono state rapide come non mai (quasi assenti si può dire, visto che io a cena ho mangiato la pasta praticamente mentre masterizzavo).
I giocatori (escluso lo zombi di cui sopra) sono stati attenti e concentrati per tutta la giornata (qualche piccolo momento di buio negli ultimi momenti, ma nulla di eclatante e imputabile alla stanchezza). Con la loro interpretazione e immedesimazione nei personaggi hanno contribuito a dare lustro ad un'avventura decisamente particolare, una lunga storia di onore e vendette, che seguiva una linea per quasi tutta la sua durata per poi ribaltare tutto nel sorprendente finale (e lo dico senza false modestie, credo che tra tutte le edizioni, l'avventura del 2009 abbia raggiunto un livello di intensità e di trasporto come non mai e la sua linea evolutiva, che sembrava condurre verso un determinato epilogo per poi ribaltare la prospettiva nel finale, temo sia difficilmente ripetibile).

La Storia

Giappone, 1876.
Le genti di due valli adiacenti vivono una rivalità le cui ragioni si perdono nella notte dei tempi, una rivalità che mina continuamente la fragile tregua faticosamente raggiunta poco più di 100 anni prima. Oggi le due valli devono affrontare un nemico comune. Il Giappone sta abbandonando le vecchie tradizioni per diventare una paese occidentalizzato. Un nuovo esercito dotato di armi da fuoco sta prendendo il posto dei samurai. L'arte della spada è bandita e chiunque la professi viene dichiarato fuori legge.
E' solo questione di tempo prima che le due valli siano prese di mira dall'esercito e solo unite nel saldo rispetto delle tradizioni di onore e coraggio possono sperare di superare la prova.
Ma come faranno ad unirsi genti tra cui l'astio e i pregiudizi sono tutt'ora forti e portano a continue situazioni di tensioni?
Perdipiù in una regione che sembra un paradiso fuori dal tempo e gli abitanti non si curano dei cambiamenti che il loro mondo sta subendo vedendoli lontani e alieni?

Per far sì che succeda si muove Zenko Kunisada un vecchio samurai che anticamente era stato manipolato da un daimyo malvagio che, stipulato un terribile patto con un demone oni, lo aveva intrappolato con una maledizione facendone il capro espiatorio di tutte le sue colpe. Finchè il samurai non si ribellò uccidendo il suo signore, ma divenendo in questo modo per tutti il Ronin Omicida, un personaggio leggendario noto per la sua malvagità e per le atrocità commesse.
Zenko Kunisada ha finalmente trovato il modo di espiare le sue colpe aiutando le due valli contro la minaccia che avanza e allo stesso tempo liberandosi di quanti ancora oggi tramano per accaparrarsi il potere del demone. Il suo è un piano complesso. Egli ha capito che, perchè l'unione dei due villaggi si saldi, serve che innanzitutto trovino un nemico comune da combattere, un nemico tangibile, una minaccia riconoscibile e spaventosa. E chi meglio del Ronin Omicida il carnefice che tempo prima era stato il loro terrore?
Poi la gente dei due villaggi dovrà trovare degli eroi, un gruppo di guerrieri dai saldi principi e dall'animo puro. Un gruppo eterogeneo formato da nativi delle due valli che lotti unito per sconfiggere il nemico comune e riportare la pace.

Zenko Kunisada quindi ingaggia un gruppo di eroi presentandosi come un viscido e malevolo vecchio. Fa compiere loro con il ricatto delle missioni che sembrano apparentemente spregevoli, mentre in realtà servono ad appianare le sue colpe passate o punire chi ne fu colpevole. E nel frattempo si preoccupa di spargere ancora una volta nelle valli il terrore del Ronin Omicida.
Alla fine affronta pubblicamente gli uomini che ha ingaggiato, offrendo la vita pur di recuperare il suo onore e far sì che le genti delle due valli si sentano finalmente unite dietro ad un gruppo di eroi che le ha salvate.

I Personaggi

HEIJIN SHIPPOU
E' un ex guerriero che aveva abbracciato la via del kensai per controllare la furia che lo pervadeva. Trovata la pace grazie all'amore per una donna è costretto a impugnare di nuovo la sua katana quando la moglie e la figlia vengono rapite.

KENZO CHUUSHIN
E' un giovane samurai di ricchi natali perennemente in lotta tra i principi della sua nobiltà d'animo e gli interessi spesso egoistici della sua famiglia.

TETSUO WANRYOKU
E' un vecchio mercenario che per anni ha vissuto una vita senza pensieri o rimpianti. Oggi ha trovato l'amore e finalmente ha deciso di abbandonare la vita del mercenario appena avrà i soldi necessari per sposarsi e aprire una sua attività

KARASUNAKI
E' un giovane scavezzacollo amante della battaglia, delle donne e del vino. Insieme a Tetsuo forma una coppia di mercenari imbattibile.

SHINTARO
E' un monaco eremita che ha scelto una vita solitaria per meditare e pregare nella speranza di avere l'occasione di recuperare l'onore della sua famiglia perso per antiche colpe.

NATHAN ALGREN
E' un americano che ha lasciato il suo paese per fuggire i fantasmi degli orrori della guerra agli indiani. E' diventato discepolo di Shintaro e ha lentamente ricominciato a vivere abbracciando i principi della vita del samurai.

Classifica

1° Classificato: Luco
2° Classificato: Tix
3° Classificato: Cape
4° Classificato: Carlo
5° Classificato: Willy
6° Classificato: Mic